Tris Napoli all’Atalanta e Milan portato. Udinese, ammanettata al Cagliari

BERGAMO – u Napoli è ancora da Scudetto, la corsa non si ferma nemmeno a Bergamo contro ilAtalanta e il sogno continua. La squadra di Spalletti ha battuto 3-1 la Dea con un gol di Insigne (rigore), Politano ed Elmas, volando a quota 66 in classifica e portando in testa il Milan (che deve giocare anche con il Bologna). La rete di De Roon che inganna solo e che non basta per la rimonta. Il cinismo e la solidità difensiva del Napoli hanno prevalso sull’intensità dell’Atalanta, ma non abbastanza per liberarsi delle magliette azzurre. Gasperini, firmato a 51 punti con una partita in mano, ora ha la Fiorentina in attacco, la Lazio in vantaggio e la Roma che può allungare. Nell’altra partita di Serie A di questo pomeriggio, Beto torna tutto insieme e annienta il Cagliari con una tripletta. Alla Dacia Arena finisce in botta, 5-1 con le reti anche di Becao e Molina (un bel cucchiaio in trasferta). Solo per le statistiche il centro Joao Pedro.

Classifica di serie A

Napoli dallo scudetto: tris all’Atalanta

La novità di Spalletti è Zanoli difensore dritto per Di Lorenzo (infortunato), davanti c’è Mertens (squalificato Osimhen), mentre nell’Atalanta Muriel riparte dall’inizio con Malinovskiy in supporto, che all’8′ accende il match ma Ospina salva in tuffo. L’esordio della Dea è più convincente, ma il Napoli trova la scommessa vincente nella prima buca: Zanoli serve. Mertens, disegnato da Musso produzione. Di Bello prima non ha assegnato un rigore, dopodiché Var ha rivisto tutto e fischiato il fallo. Dal disco Insigne cross forte e fa 0-1 (14′). I nerazzurri rallentano, solo Freuler disturba Ospina con il destro, poi al 37′ il Napoli mostra ancora cinismo e raddoppia nella ripresa: modello sulla punizione funziona perfettamente, Insignia per Politano che taglia l’angolo al volo, gran gol e 2-0 azzurro, con tutta la linea dell’Atalanta sorpresa. Gasperini parte con Boga e Miranchuk, a parte Malinovskiy e Hateboer. Il vecchio Sassuolo spaventa Ospina, il russo invece crea e mette De Roon prova il pallone che riapre il gioco al 58′. Equilibrio assoluto, gli allenatori provano con i cambi a rompere lo stallo, entrano Maehle (per Djimsiti ko), Elmas, Lozano e Fabian Ruiz, ma è Boga intorno a minaccia Ospina, che vola e devia. Le sostituzioni di Spalletti, però, diventano letali all’81’: contropiede di Lozano che serve Elmas, freddo davanti a Musso. È 3-1, il Napoli esulta, festa a Bergamo.

Tabellone Atalanta-Napoli

Dai un’occhiata alla galleria

De Roon batte l’Atalanta, il Napoli va con Insigne, Politano ed Elmas

Pallamano Udinese contro Cagliari: tripletta di Beto!

Udinese gioca, ma Cagliari segna: questo il riassunto del primo tempo del primo tempo in Dacia Arena. I bianconeri provano a farla franca con Beto, creano delle occasioni pericolose che non si concretizzano e alla fine passa il Cagliari, dopo il primo anello di Dalbert su cui viene sorpassato Silvestri: al 32′ Joao Pedro crossa la palla dove il portiere friulano non riesce ad arrivare e interrompe l’astensione da rete che dura dal 23 gennaio, data dell’ultimo gol segnato in campionato contro la Fiorentina. Il vantaggio è di breve durata, al 38′ Beccau nella lotta è 1-1poi al 45′ il veloce di Beto (9 piste a secco) che con un cross volante su cross morbido di Pereyra ribalta il Cagliari: 2-1. L’attaccante bianconero esce, ad inizio ripresa si sta avvicinando fucili in contropiede batte in uno contro uno Cragno e incontra il 3-1, che chiude la partita già al 49′. Zappa e Keita provano ad afferrargli i reni, ma l’Udinese è implacabile e fa sempre male quando riparte: Molina al 59′ si inventa un perfetto pallonetto dai trenta metri per il 4-1. Crollo totale del Cagliari, che al 73′ incassa ancora: La tripletta di Beto, molto poker! La finale dei rossoblù è in dieci per i rossi a Grassi, sconfitta completa.

Tabellone Udinese-Cagliari

La tripletta di Beto è la magia di Molina: l'Udinese affonda il Cagliari

Dai un’occhiata alla galleria

La tripletta di Beto è la magia di Molina: l’Udinese affonda il Cagliari