Napoli su Januzaj: trattativa e punto sui rinnovi

L’esterno belga lascerà la Real Sociedad in estate: ex bambino prodigio dello United, garantisce più fisicità e flessibilità di Lorenzo. Rinnovo: difficoltà per Ghoulam, speranze per Mertens

Questa è una delle domande slogan che si stanno ponendo i semafori blu: chi sarà l’erede di Lorenzo Insigne a Napoli? La risposta non è ancora ma ci sono sondaggi e modalità che il ds Cristiano Giuntoli (è nato ieri il figlio Alessandru: complimenti a tutta la famiglia) insieme allo scouting del club. Una delle soluzioni più credibili è quella che porta al belga Adnan Januzaj, 27 anni, nato in Kosovo, che è prossimo alla scadenza di un contratto che finora ha respinto le proposte di rinnovo della Royal Society. Un profilo interessante su una lista – quella dei free agent – che si fa sempre più lunga e interessante e interesserà il mercato la prossima estate.

La scelta fondamentale

Innanzitutto va chiarito che si tratta di attori diversi nelle caratteristiche fisiche prima ancora che in quelle tecniche. Tra l’azzurro e il belga ci sono più di 20 centimetri di altezza e questo va nella direzione di un calcio europeo che ha un bisogno sempre crescente di fisicità, oltre alla tecnica che non manca al di fuori della Real Sociedad. Si tratterebbe quindi di una scelta importante per il futuro della squadra che sarà sempre guidata da Lucianu Spalletti. Parliamo di un sinistro, che può giocare a destra con il “piede rovesciato” per andare al tiro, oppure a sinistra, guardando di più la linea di fondo per il cross. Allo stesso tempo può essere utilizzato come trequartista proprio per la fantasia e la visione del gioco che gli permettono di giocare in modo imprevedibile.

Predestinato ma…

Quando a 18 anni hai giocato per la prima volta con il Manchester United (da esterno sinistro 4-3-3) hai fatto una doppietta in Premier League, la tua carriera sembra essere stata baciata dagli dei del calcio. Januzaj era arrivato in Inghilterra all’età di 16 anni dall’Anderlecht e sembrava destinato a entrare nell’élite del calcio. Ma le cose non sempre vanno a modo tuo. E così, dopo acuti prestiti a Borussia Dortmund e Sunderland, Adnan è stato acquistato per poco più di otto milioni di euro dalla Real Sociedad nell’estate del 2017.

Continuità

Questo è quello che ha mancato un po’ il belga, che ha giocato due Mondiali con la nazionale, segnando un gol decisivo contro l’Inghilterra nel torneo del 2018 in Russia. il giocatore più utilizzato dalla Real Sociedad) 14 gol e 16 assist. E’ un giocatore in piena maturità, il suo stipendio rientrerà nella fascia fissata dal presidente Aurelio De Laurentiis. (su questo non c’è nessun compromesso) e il club sta valutando se spingere per la firma o aspettare un’altra situazione.

Scadenze e rinnovi

La società ha deciso di congelare la situazione e di non negoziare rinnovi con nessun giocatore. Una politica che può essere anche rischiosa (iniziare la stagione con giocatori come Koulibaly e Fabian in scadenza può essere un’arma a doppio taglio), ma che punta a tenere unita la squadra e puntare sul gol dello scudetto. Vedremo in termini di risultati quando questa politica darà i suoi frutti e soprattutto come faranno tutti i giocatori in scadenza che troveranno sempre un posto. Alcuni hanno faticato a trovare spazio per Faouzi Ghoulam, che però ha risposto bene ad ogni “chiamata”, mentre Malcuit è stato fermato per infortunio. Lorenzo Insigne (che aveva già firmato per Toronto a gennaio) ha dato la sua risposta domenica all’Olimpico: decisiva con la Lazio. Ospina garantisce alte prestazioni tra i pali. E poi c’è Mertens, vicino ai gol in doppia cifra (ne ha nove) per la sua nona stagione consecutiva. E così Ciro spera di convincere il Napoli a confermare.