Lo spettacolo di Zaniolo, che tripla! Mourinho in semifinale con il Leicester

ROMA “L’orgoglio”. squadra ferita e che voleva ripagare l’amore dei tifosi. La Roma ha cambiato marcia dopo i due ko e il pareggio nelle tre partite giocate contro Bodo/Glimt ha mostrato ai norvegesi chi è la vera squadra di Mourinho. I gialli hanno sconfitto Bodo vincendo 4-0 il ritorno dei quarti di finale di Conference League. Abramo apri il punteggio, poi pensaci Zaniulù con una tripletta da sogno che ha scacciato tutti i pensieri negativi e le critiche che derivano da uno spettacolo sommesso. La Roma è qui e ha dato un grande segnale Leicesterprossimo avversario in semifinale: Mourinho vuole la finale a Tirana, questa squadra è sempre più sua.

Roma prosegue con Abramo

La mossa a sorpresa di Mourinho ha pagato subito. Dopo cinque minuti l’asse Zaniolo funzionava benissimo –Abramo: primo tentativo della prima respinta da Haikin, poi l’attaccante giallorosso pronto a trovare la conclusione in rete. Vanta RomaVenticinquesimo gol stagionale per l’ex Chelsea, sempre più protagonista della Roma di Mourinho. Roma, guidato da oltre 62.000 tifosi olimpici che hanno dato spettacolo sugli spalti. La squadra di Mourinho dal baricentro alto, Bodo chiude e cerca un buon pallone per i contropiedi di Solbakken e Koomson.

Roma-Bodo 4-0: cronaca e statistiche

Dai un’occhiata alla galleria

Roma-Bodo, la coreografia del Sud: uno spettacolo alle Olimpiadi

Spettacolo di Zaniolo: tripla e standing ovation all’Olimpico

La ventiduesima doppia perla. Alla faccia di chi dice sempre che “Mourinho non gioca bene per le squadre che allena”. Cinque passi avanti tra Smalling, Mkhitaryan, Cristante, Abraham e Pellegrini al servizio di Zaniolo per il romanziere due a zero. Un’azione spettacolare a Romatifosi in estasi e panchina dei Yellows in piedi a festeggiare il doppio vantaggio. Zaniulù è tornato alla luce 81 giorni dopo l’ultimo gol. E non è stata l’ultima celebrazione della serata.

Perché solo cinque minuti dopo Il talento della Roma ha consolidato il suo doppio personale, il trio della Roma è arrivato anche grazie ad un altro talento giallorosso. Calcio d’angolo di Bodo deviato dalla difesa, Zalewski prende palla e sorvola la fascia per un veloce recupero e un assist al bacio per Zaniolo che davanti all’estremo difensore trova la Roma sul 3-0. Doppio per lui, il secondo in carriera. Il 12 febbraio 2019 Nicolò Zaniolo ha segnato la sua prima doppietta da professionista in una partita europea contro il Porto. Dopo due anni di incubi, una stagione finora non esaltante e qualche panchina da incontrare. Oggi, in un’altra partita europea, ha segnato due gol. 1157 giorni dopo. Una liberazione.

La partita si chiude in mezz’ora, Bodo è totalmente sconvolto dall’aggressività della squadra di Mourinho. Ma non è tutto, perché Zaniolo è stato devastante. Tripletta per lui all’inizio del secondo tempo. Primo tiro perfetto di Cristante, Zaniolo sulla destra vola, controlla palla in area e lascia un sinistro irrefrenabile che manda in tilt l’Olimpiade. Prima tripletta per il talento giallorosso che al 59′ esce per i crampi inondato di applausi dallo stadio. Standing ovation dell’Olimpico, anche dai tifosi di Bodo che hanno applaudito sportivamente il migliore in campo. Zaniolo è tornato.

La Roma vola in semifinale: affronta il Leicester

C’era una sola squadra in campo. La Roma non ha concesso nulla a Bodo, ha dominato la partita con fiducia e determinazione. E con quella rabbia di quelli che hanno avuto una relazione senza fine dopo le due stagioni ad eliminazione diretta contro i norvegesi. Mourinho trova sempre di più il posto giusto per una squadra che è stata nuovamente cambiata: geniale la mossa di inserire Zaniolo al posto di Sergio Oliveira e ho deciso di correre. Adesso la semifinale contro il Leicester, e la Roma non può nascondersi: il finale non è più solo un sogno.

Un grido dalla Roma: la tripletta di Zaniolo trascina Mourinho in semifinale

Dai un’occhiata alla galleria

Un grido dalla Roma: la tripletta di Zaniolo trascina Mourinho in semifinale