“Ci piace Traore, Kvaratskhelia è di Napoli. E abbiamo comprato Anguissa.”

Uno sguardo al campo, dove il lavoro continua per continuare a sognare lo scudetto, l’altro già al futuro per la prossima stagione. u Napoli non è inattivo e come ogni anno con l’arrivo degli ultimi giorni di campionato abbiamo già iniziato a programmare il lavoro per l’estate, con nomi segnati sul taccuino degli uomini del mercato napoletano e tentazioni sempre pronte a proporre al presidente. Aurelio De Laurentiis. Il nome più caldo, nelle ultime settimane, è quello di “Messi della Georgia” Khvicha Kvaratskelia, che l’arrivo a Maradona è quasi finito, ma altri giocatori sono seguiti dal club azzurro. Il direttore sportivo si prende cura delle richieste del mercato Cristiano Giuntoliche ha fatto a Napoli un equilibrio tra presente e futuro.

Guarda il video

“Mertens, ho tutti i tuoi adesivi!”: Dries e Kat reagiscono così

Giuntoli: “Scusa per la sconfitta, ma non siamo morti”

In un’intervista a Radio Kiss Kiss Napoli, il giocatore campano si è detto dispiaciuto per la sconfitta in casa contro la Fiorentina, partita che non ha compromesso le possibilità di successo finale in campionato: “Abbiamo valori importanti, un allenatore e una squadra di alto livello. Siamo allo sprint, quindi non credetemi. Vogliamo vincere tutte le partite, a cominciare da lunedì contro la Roma. Siamo un animale ferito e morto. Siamo molto dispiaciuti per la sconfitta contro la Fiorentina, soprattutto per i tifosi. Se osserviamo da vicino la gara, però, vediamo che nella prima mezz’ora potremmo girarci intorno e stare zitti. Gli episodi non sono andati a nostro favore, ma non siamo dispiaciuti. Vogliamo iniziare lunedì, quando cadiamo, reagiamo sempre. Non sentiamo la pressione del pubblico, ci dà sempre una grossa mano. Ci manca l’ultimo pezzo da fare, ci vuole più leggerezza e consapevolezza per poterlo fare“.

Giuntoli: “Traore ci piace. Su Belotti…”

Tra i tanti nomi avvicinati dal Napoli nelle ultime ore, in vista del prossimo mercato estivo, c’è quello di Hamed Traorè del Sassuolo: “È un ottimo giocatore, piace a tutte le squadre di alto livello. Al momento pensiamo solo alla nostra, le ultime sei finali da giocare. Quindi al resto pensiamo noi. Dobbiamo stare attenti al budget, che ti dà tranquillità per il futuro. Mi dispiace dire che nonostante questo saremo forti anche negli anni a venire“.

Un eventuale accordo a parametro zero potrebbe invece essere Andrea Belotti. Ecco il pensiero di Giuntoli sul “Gallo”: “Ora, con Osimhen, Petagna e Mertens, non pensiamo all’attacco. Ora non la pensiamo così, è un grande giocatore, ma non è nelle nostre idee. I giocatori non raggiungono mai lo zero quindi, ci sono commissioni e stipendio più alto. Un giocatore che viene pagato poco non costa necessariamente meno di quello che riceve a parametro zero“.

Giuntoli: “Kvaratskhelia? Manca solo”

D’altra parte, una delle trattative che si stanno concludendo è quella che porta al talento georgiano Khvicha Kvaratskelia. Durante l’intervista a Kiss Kiss Napoli Giuntoli non si è nascosto: “Kvaratskhelia è un calciatore che seguiamo da tempo, faremo del nostro meglio per portarlo al Napoli. C’è sempre del tempo, nel mercato le cose dovrebbero sempre maturare e si spera che maturino nella giusta direzione. È uno dei primi della nostra lista, ha parametri fisici, mentali, economici e tecnici per giocare a Napoli“.

Il punto di Anguissa e Lobotka

Dopo aver parlato di mercato e di possibili trattative, il ds del Napoli ha poi detto ad Anguissa e Lobotka: “La nostra volontà è redimere Anguissa, vedremo a fine stagione ma lo vogliamo. Abbiamo idee e facciamo valutazioni diverse. A questo punto si pensa non solo all’individuo ma anche al collettivo. Lobotka invece rinasce. Molte volte in Italia si danno giudizi affrettati soprattutto per i giovani ma ci vuole sempre tempo. A volte bastano pochi mesi, a volte ci vuole un anno o più. Non è mai stato interrogato da noi, non abbiamo mai voluto venderlo perché abbiamo sempre creduto nelle sue qualità. Aveva problemi fisici, aveva preso qualche chilo di troppo, ma ora sta molto bene e siamo contenti“.

Napoli, docente di Spalletti per una giornata all'Università

Dai un’occhiata alla galleria

Napoli, docente di Spalletti per una giornata all’Università